Come evitare fregature da presunti web designer

Martedì, 15 Maggio 2012 14:48

In Informazioni / Notizie

La mia collega web designer Francesca Luciani di Civitavecchia, ora blogger a tempo pieno, ha pubblicato qualche tempo fa un interessantissimo articolo per aiutare i nostri clienti a scegliere con accortezza quello che sarà il loro web designer di fiducia. Nel suo articolo Ebook: Non farsi fregare da presunti web designer Francesca tratta un tema molto delicato per la nostra categoria professionale e prende come riferimento un Ebook scritto da un altro web designer, Federico Pian.

 

In effetti in questo settore, complice la complessità della materia, siamo letteralmente circondati da sedicenti web designer che hanno ben poco di professionale: alcuni sanno solo "smanettare" un po' con il computer e pensano quindi di potersi proporre presso i clienti rifilandogli dei siti web dalla qualità quantomeno discutibile, non solo dal punto di vista del gusto estetico.

Aggiungiamo che un sito fatto male e che "non funziona", difficilmente rivela i suoi difetti ai clienti: non è facile vedere per un profano che un dato sito web non ha alcuna speranza di essere indicizzato sui motori di ricerca. Molto spesso questo non si vede e lo si riscontra solo molti mesi dopo.

A peggiorare le cose c'è il fatto che un sito web realizzato male non causa danni evidenti a nessuno: se un presunto idraulico ripara male una perdita, questa si ripresenterà abbastanza presto. Se un presunto web designer realizza un sito web poco accattivante e che non vi porta nemmeno un nuovo contatto, spesso si finisce per dare la colpa al Web in toto.

 

Anch'io ho incontrato moltissimi clienti che si erano convinti che il web non servisse ad aumentare le proprie vendite, a presentarsi in modo gradevole al proprio pubblico o almeno ad avere una presenza online che gli desse almeno un piccolo ritorno d'immagine e un pizzico di orgoglio. Mi sono imbattuto a volte in clienti che quasi nemmeno si ricordavano più di avere un sito aziendale!

 

Insomma, la questione è delicata e molto discussa tra noi web designer perché anche noi siamo vittime del pressapochismo e della faciloneria di qualcuno. È per questo che ci dobbiamo far carico di aiutare i nostri clienti a capire cosa non va del loro sito web e come potrebbe essere migliorato, ma soprattutto come fare per scegliere il professionista cui affidarsi.

 

L'articolo di Francesca e il piccolo Ebook di Federico - che potete scaricare gratuitamente dal suo sito web - fanno finalmente un po' di luce e speriamo aiutino i nostri potenziali clienti a evitare fregature che a volte, oltre che dannose, si rivelano anche troppo costose!